Vivere in un ambiente propositivo aiuta a ridurre gli effetti della depravazione

Un ambiente in cui i membri della famiglia si sostengono a vicenda ed esprimono i propri sentimenti può ridurre gli effetti della deprivazione sociale sulle capacità cognitive e sullo sviluppo dei bambini adottati. Al contrario, le famiglie guidate da regole in cui i membri della famiglia sono in conflitto possono aumentare le possibilità di un bambino adottato per difficoltà cognitive, comportamentali ed emotive.

Lo studio

Per lo studio, i ricercatori hanno arruolato bambini che avevano trascorso almeno otto mesi negli orfanotrofi dell’Europa orientale prima della loro adozione da parte di famiglie americane. I bambini avevano un’età compresa tra i 14 ei 40 mesi e sono stati valutati con test fisici, psicologici e di sviluppo due volte durante i due anni successivi. Le famiglie hanno anche risposto a questionari sullo sviluppo dei bambini e su vari aspetti della loro vita domestica. Lo studio ha incluso 10 bambini adottati e 19 bambini simili nati da famiglie americane.

Nel complesso, i bambini adottati avevano deficit significativi nella crescita, nelle capacità cognitive e nello sviluppo rispetto ai bambini nati in America.

Tuttavia, le differenze erano minori tra i bambini provenienti da famiglie con punteggi più alti in termini di coesione, dove i membri della famiglia si sono forniti aiuto e sostegno reciproco ed espressività – famiglie i cui membri sono incoraggiati a esprimere i propri sentimenti.

I risultati

Gli autori hanno concluso che la coesione e l’espressività familiare potrebbero moderare gli effetti delle avversità pre-adozione, mentre il conflitto familiare e l’aderenza alle regole potrebbero aumentare il rischio di problemi comportamentali. Gli autori hanno aggiunto che sono necessari studi più ampi per verificare i loro risultati.