Trovati resti di un’antica scimmia che camminava a due zampe

I resti fossilizzati di una specie di scimmia antica scoperta di recente suggeriscono che avrebbe potuto camminare su due piedi, milioni di anni prima della comparsa dei primi umani.

Una scoperta dubbia

La scoperta mette in discussione l’idea accettata secondo cui il camminare bipede si è evoluto molto più tardi negli antenati degli umani moderni. Il che significa che avere uno scheletro adattato per muoversi regolarmente su due piedi è una caratteristica unica e determinante degli ominidi, il gruppo evolutivo a cui apparteniamo. Tuttavia, non tutti i ricercatori concordano con le conclusioni e non è ancora chiaro dove si collochi l’animale antico nell’albero evolutivo della scimmia.

La scimmia appena scoperta – di nome Danuvius guggenmosi – viveva nell’attuale Germania 11,6 milioni di anni fa. I fossili mostrano che sebbene avesse le braccia lunghe adatte ad essere appese sugli alberi, le caratteristiche delle sue gambe e della colonna vertebrale suggeriscono che potrebbe anche essere stato in grado di muoversi sui suoi piedi posteriori.

Fossili simili a scimmie mostrano accenni di origine umana

Se questa conclusione fosse ampiamente accettata dagli scienziati, potrebbe fare luce su come – e quando – si è evoluta la camminata bipede, che è attualmente un mistero. L’hominin Ardipithecus ramidus di 4,4 milioni di anni era chiaramente bipede 2 , e in alcune specie ci sono accenni di bipedismo tra 6 e 3 e 7 milioni di anni 4 .

La qual cosa sembra suggerire che camminare su due piedi si sia evoluto prima del ramo ominico dell’albero evolutivo. Ciò che rende le cose davvero complesse ora è, che cosa definisce l’era degli ominidi se non il bipedalismo abituale?

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *