Talco e cancro alle ovaie: non esiste un legame significativo tra i due

I ricercatori statunitensi hanno dimostrato che non esiste un legami significato tra il talco e il cancro alle ovaie. Lo studio è stato d’obbligo dopo le migliaia di cause scattate contro Johnson & Johnson e altre società, incriminando il prodotto suddetto.

Le conclusioni dello studio

Nel complesso, lo studio non ha riscontrato un rischio significativamente maggiore di carcinoma ovarico. Tuttavia è emerso che ci sia un rischio maggiore tra alcune donne che hanno usato i prodotti.

I dati hanno scoperto che le donne che non hanno mai avuto un’isterectomia o che non hanno le  tube legate avevano un rischio del 13% più alto di sviluppare il carcinoma ovarico rispetto alle donne quando usano il talco sui genitali. Tale rischio è salito al 19% tra le donne che hanno usato polveri per bambini almeno una volta alla settimana.

Lo studio finanziato dagli Stati Uniti ha raccolto dati su 252.745 donne provenienti da quattro studi governativi che hanno chiesto alle donne se avevano mai usato polvere sui loro genitali. Lo studio non ha preso in considerazione singoli marchi.

“Questo è stato il più grande studio mai condotto, ma poiché il carcinoma ovarico è una malattia così rara, non era ancora abbastanza grande da rilevare un piccolo cambiamento nel rischio”, ha detto O’Brien.

Come ci si ammala di cancro alle ovaie attraverso il talco?

La teoria prevalente su come la polvere possa causare il cancro alle ovaie è che viaggerebbe lungo la vagina, attraverso la cervice, l’utero e le tube di Falloppio. Così entrerebbe in contatto con le ovaie, dove provoca un’infiammazione che porta al cancro.

Lo studio non ha esaminato la possibilità di esposizione respirando polvere nei polmoni. Questa precisazione è importante, dal momento che alcuni consulenti affermano che la polvere per inalazione può essere una causa del cancro ovarico.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *