Studiata l’intelligenza delle scimmie cappuccino: la scoperta

Un team internazionale di scienziati ha sequenziato per la prima volta il genoma di una scimmia cappuccino, scoprendo nuovi indizi genetici sull’evoluzione della loro lunga durata e dei grandi cervelli.

Lo studio

I cappuccini hanno la dimensione del cervello più grande di qualsiasi scimmia e possono vivere oltre i 50 anni, nonostante le loro piccole dimensioni. Ma le loro basi genetiche erano rimaste inesplorate fino ad ora.

I ricercatori hanno sviluppato e annotato un insieme di riferimento per le scimmie cappuccine dalla faccia bianca ( imitatore di Cebus ) per esplorare l’evoluzione di questi tratti.

Gli studiosi hanno trovato firme di selezione positiva sui geni alla base di entrambi i tratti, il che ci aiuta a capire meglio come si evolvono tali tratti. Inoltre, hanno trovato prove di adattamento genetico alla siccità e agli ambienti stagionali osservando le popolazioni di cappuccini provenienti da una foresta pluviale e da una foresta secca stagionale.

Dove porta la scoperta

Pur dovendo prendere la scoperta con le pinze, si è tentati di ipotizzare che, come in altre specie, le modifiche a specifici geni o percorsi legati all’invecchiamento, potrebbero contribuire alla longevità dei cappuccini

Le intuizioni del team sono state rese possibili grazie allo sviluppo di una nuova tecnica per isolare il DNA in modo più efficiente dalle feci dei primati. Tal tecnicas fornisce finalmente un modo per sequenziare interi genomi da mammiferi in libertà utilizzando campioni prontamente disponibili e non invasivi, che potrebbero davvero aiutare i futuri sforzi di conservazione.