Scoperte due nuove specie di cozze

Un team internazionale di scienziati ha scoperto due nuove specie di cozze d’acqua dolce endemiche dell’isola del Borneo e ne ha stabilito un nuovo genere.

Le cozze d’acqua dolce sono una parte cruciale di molti habitat di acqua dolce a livello globale. Vivono sul fondo di tutti i tipi di habitat di acqua dolce, dove filtrano alghe, batteri e altri organismi dall’acqua, agendo così come filtri biologici e svolgendo un ruolo importante nel ciclo dei nutrienti. Possono rimuovere alghe, batteri e altro materiale a una velocità di circa un litro d’acqua all’ora per cozza.

Gran parte di questo materiale viene successivamente trasportato al benthos (organismi che vivono sul fondo dell’habitat), fornendo cibo per insetti e altri invertebrati, che prosperano nei banchi di cozze in termini sia di abbondanza che di diversità.

L’isola del Borneo ha un numero eccezionalmente elevato di cozze d’acqua dolce, con 15 delle 20 specie autoctone attualmente riconosciute che sono limitate all’isola.

Le due nuove specie, denominate Khairuloconcha lunbawangorum e Khairuloconcha sahanae , sono conosciute rispettivamente dai bacini dei fiumi Limbang e Kinabatangan. Le nuove specie sono molto rare, conosciute solo da un singolo sito ciascuna (una nel Sarawak, una nel Sabah) e altamente minacciate dalla continua distruzione dell’habitat.

Una di queste specie è particolarmente a rischio di estinzione, poiché l’unico sito da cui è nota è già stato dedicato a una piantagione industriale di palma da olio.

Il declino delle popolazioni esistenti di cozze d’acqua dolce nel Borneo è stato probabilmente causato dalla deforestazione su scala industriale e dal cambiamento dell’uso del suolo dalla foresta pluviale primaria alle monocolture agricole (prevalentemente piantagioni di palma da olio).