Principali disturbi del sonno nei bambini e come trattarli

I disturbi del sonno sono caratterizzati da problemi legati al sonno e comprendono difficoltà ad addormentarsi o a rimanere addormentati, addormentarsi in orari inappropriati, essere eccessivamente assonnati o comportamenti anormali del sonno.

In questo articolo spiegheremo quali sono i principali disturbi del sonno nell’infanzia e quali sono le principali raccomandazioni classificate per età per trovare una soluzione.

La cosa più importante è essere in grado di riconoscere che c’è un disturbo del sonno che sta colpendo tuo figlio in modo che tu possa iniziare a risolverlo il prima possibile. Per questo motivo, in caso di dubbio, avvisare il pediatra.

Esistono molti tipi di disturbi del sonno che possono colpire l’infanzia e l’adolescenza, per fornire tutte le informazioni disponibili li abbiamo suddivisi in tre categorie:

  1. Il bambino che fa fatica ad addormentarsi
  2. Il ragazzo che fa cose strane di notte
  3. Il ragazzo che si addormenta durante il giorno

1. Il bambino che ha difficoltà ad addormentarsi

Insonnia

L’insonnia è caratterizzata da difficoltà ad iniziare e a rimanere addormentati, oppure dalla sensazione di non aver dormito bene e che questo si protrae per almeno un mese di seguito.

Il disturbo d’insonnia è uno dei problemi più frequenti nei bambini e normalmente, con l’aiuto degli operatori sanitari e del loro supporto, può essere curato e risolto.

  • Insonnia comportamentale: è l’incapacità del bambino di addormentarsi se è solo, presentando resistenza e ansia quando va a letto. Si sveglia molto spesso.
  • Insonnia per inadeguata igiene del sonno: è associata ad attività svolte durante il giorno che impediscono un’adeguata qualità del sonno notturno (consumo di cioccolato o caffeina; intensa attività fisica o uso di computer, console o telefoni cellulari).

Sindrome delle gambe agitate

Questa sindrome è caratterizzata dall’urgenza di muovere le gambe in situazioni di riposo, fatto che appare in molti casi associato ad una sensazione sgradevole.

È un disturbo che ha un grande impatto sulla qualità di vita del bambino e può causare insonnia e stanchezza durante il giorno. È un disturbo le cui cause sono sconosciute, anche se sembra esserci una predisposizione familiare.

È fondamentale offrire sostegno a questi bambini quando sono a scuola, poiché molti di loro si sentono peggio al mattino per l’obbligo di stare seduti in classe, senza muoversi.

2. Il bambino che fa “cose strane” di notte

Sindrome apnea ostruttiva del sonno-ipopnea

Si tratta di un disturbo respiratorio che si manifesta durante il sonno ed è caratterizzato dalla presenza di ripetuti episodi di ostruzione totale o parziale delle vie aeree superiori  perché i tessuti molli della gola collassano e si chiudono durante il periodo del sonno.

Alcune alterazioni anatomiche come grosse tonsille o malformazioni craniche, malattie neurologiche e chi soffre di obesità o reflusso gastroesofageo facilitano questa sindrome.

Raucedine frequenti, difficoltà respiratorie durante la notte, sonnolenza durante il giorno o difficoltà a prestare attenzione potrebbero farci dubitare di questa sindrome. Il suo trattamento di solito prevede la rimozione delle tonsille o delle adenoidi del bambino o il fatto di dormire con una maschera in modo che respiri comodamente.

Sonnambulismo

Il sonnambulismo è un disturbo del sonno molto comune nei bambini in età scolare.

Di solito è benigno e si risolve con l’età senza bisogno di trattamento. Il bambino non risponde agli stimoli esterni e non ricorda nulla.

Terrori notturni

I terrori notturni sono un tipo di disturbo del sonno che sembra un incubo ma molto più spettacolare. Il bambino, mentre dorme, si mette improvvisamente a sedere sul letto urlando e piangendo, sconvolto e agitato. Come nel sonnambulismo, il bambino non risponde agli stimoli esterni e non ricorda nulla.

Incubi

Gli incubi sono stati onirici lunghi, elaborati e complessi, con un progressivo aumento della sensazione di paura o ansia. Il bambino si sveglia molto spaventato e completamente vigile. Descrive in dettaglio che il sogno che aveva fatto era molto angosciante e spaventoso. Spesso il bambino crede che ciò che ha sognato sia realmente accaduto.

I genitori non possono prevenire gli incubi, ma possono aiutarli a dormire meglio, e di conseguenza questo favorisce la minimizzazione degli incubi.

3. Il bambino che si addormenta durante il giorno

Narcolessia

La narcolessia è un disturbo molto raro nell’infanzia e di solito si instaura durante l’adolescenza e la giovinezza. È caratterizzata da sonnolenza diurna, perdita di tono muscolare innescata da un’emozione, mantenimento di esperienze vissute come reali e sofferenza da una sensazione di immobilità.

Questo è un disturbo cronico e richiede un trattamento con il quale il bambino può condurre una vita praticamente normale. Il ruolo dei genitori in questa fase è particolarmente importante per stabilire abitudini di igiene del sonno.

Raccomandazioni generali per cercare di evitare qualsiasi tipo di disturbo del sonno

La cosa certamente da tenere in considerazione, per evitare qualsiasi tipo di disturbo del sonno, è la incontri riva del garda, ricordando che un buon prodotto deve offrire accoglienza alle parti sporgenti del corpo. Quindi, con l’aumentare del peso, il materasso dovrà avere la giusta rigidità per sostenere il corpo del bambino.

I principali suggerimenti da seguire per facilitare il corretto sviluppo del sonno nei bambini sono dettagliati di seguito per fascia di età.

Sotto i 2 mesi

  • È molto importante che il bambino sia sveglio quando mangia, quindi inizierà ad associare il cibo al giorno prima.
  • Dopo aver cambiato i pannolini, lascia il bambino sveglio nella culla in modo che possa imparare ad addormentarsi da solo.
  • Dovrebbe essere sviluppata una routine prima di coricarsi: bagno – massaggio – cena – ninna nanna o favola – sonno.

Tra 5 e 12 mesi

  • In questo periodo il bambino non dovrebbe più mangiare di notte. Se si sveglia, dovresti calmarlo con carezze e frasi affettuose.
  • Puoi dargli un oggetto di transizione: una bambola, un peluche… qualcosa che gli faccia compagnia.
  • Dovresti continuare con la routine della buonanotte e lasciarlo addormentare da solo.

Dai 2 anni

  • L’ambiente deve essere calmo, buio e la temperatura gradevole.
  • Se il bambino protesta o piange durante la notte, riflettiamo su quello che è successo durante il giorno ma soprattutto non urlare, dargli sicurezza e continuare con la routine.
  • Impediscigli di andare a letto affamato, ma non fargli bere troppi liquidi che lo faranno svegliare per fare pipì.

fase adolescenziale

  • È importante essere consapevoli dei cambiamenti nell’adolescenza: dovrai imparare a riconoscere i segni del sonno scarso: irritabilità, difficoltà a svegliarsi, recuperare il ritardo nei fine settimana.
  • Evita di usare cellulari, computer, tablet… prima di andare a dormire.
  • Il dialogo sul sonno e sulla sua influenza sulla salute è essenziale.
  • I genitori devono dare l’esempio con buone abitudini di sonno.