Perù: trovati resti della scimmia più piccola al mondo

Un team di scienziati peruviani e americani ha scoperto i resti, risalenti a circa 18 milioni di anni, della più piccola scimmia fossile mai trovata.

Un dente fossilizzato trovato nella giungla amazzonica del Perù è stato identificato come appartenente a una nuova specie di minuscola scimmia non più grande di un criceto.

Il nuovo esemplare di scimmia più piccola al mondo

L’esemplare è importante perché aiuta a colmare un gap di 15 milioni di anni nella documentazione fossile per le scimmie in America. Almeno questo è quanto sostiene un team guidato dalla Duke University e dalla National University of Piura in Perù.

Il nuovo fossile è stato rinvenuto da una sponda del fiume esposta lungo il Río Alto Madre de Dios, nel sud-est del Perù. Lì, i ricercatori hanno raccolto frammenti di arenaria e ghiaia, li hanno messi in sacchetti e li hanno portati via per essere immersi in acqua e poi filtrati attraverso setacci per filtrare i denti fossilizzati, le mascelle e i frammenti di ossa sepolti all’interno.

Il team ha cercato circa duemila libbre di sedimenti contenenti centinaia di fossili di roditori, pipistrelli e altri animali prima di individuare il dente di scimmia solitario.

Lo stupore dei paleontologi

I paleontologi possono dire molto dai denti di scimmia, in particolare dai molari. Sulla base delle dimensioni e della forma relative del dente, i ricercatori pensano che l’animale probabilmente si sia cibato di frutti e insetti ricchi di energia e pesasse meno di mezzo chilo.

“È di gran lunga la più piccola scimmia fossile mai trovata in tutto il mondo”, ha detto il coordinatore della spedizione. Solo una specie di scimmia viva oggi, la marmoset pigmeo delle dimensioni di una tazza da tè, è più piccola. Ma davvero di poco.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *