Mangiare cereali raffinati provoca malattie cardiovascolari: lo studio

Un nuovo studio ha scoperto che il consumo di un numero elevato di cereali raffinati, come croissant e pane bianco, è associato a un rischio più elevato di malattie cardiovascolari maggiori, ictus e morte precoce.

Lo studio

Lo studio Prospective Urban Rural Epidemiology (PURE) ha esaminato le diete di diverse popolazioni in paesi a basso, medio e alto reddito in tutto il mondo. In 16 anni di analisi su 137.130 partecipanti in 21 paesi, incluso il Canada, i ricercatori hanno scoperto che l’assunzione di cereali raffinati e zuccheri aggiunti è notevolmente aumentata nel corso degli anni.

I cereali sono stati classificati in tre gruppi: cereali raffinati, cereali integrali e riso bianco. I cereali raffinati includevano prodotti realizzati con farina raffinata (ad es. Bianca), inclusi pane bianco, pasta / noodles, cereali per la colazione, cracker e prodotti da forno / dessert contenenti cereali raffinati. I cereali integrali includevano farine integrali (ad es. Grano saraceno) e cereali integrali intatti o spezzati (ad es. Avena tagliata in acciaio).

Lo studio ha rilevato che avere più di sette porzioni di cereali raffinati al giorno era associato a un rischio maggiore del 27% di morte precoce, un rischio maggiore del 33% di malattie cardiache e un rischio maggiore del 47% di ictus.

Le conclusioni dei ricercatori

Questo studio indica che una dieta sana include la limitazione di cibi eccessivamente elaborati e raffinati. Non sono stati riscontrati effetti negativi significativi sulla salute con il consumo di cereali integrali o riso bianco.

Lo studio suggerisce di mangiare cibi integrali come riso integrale e orzo e di consumare meno cereali e prodotti di grano raffinato. Ridurre il consumo complessivo di cereali raffinati e avere carboidrati di migliore qualità è essenziale per ottenere risultati di salute ottimali.