Il pessimismo e l’ottimismo influenzano i disturbi del sonno

Una nuova ricerca trova “associazioni significative” tra la disposizione ottimista o pessimista di una persona e la sua qualità del sonno.

La differenza tra ottimismo e pessimismo per il sonno

Un nuovo studio suggerisce che le persone ottimiste sono più propense a dormire meglio.

In effetti, circa il 30% degli adulti ha una quantità di sonno e soprattutto una qualità che non è ottimale per la salute. Inoltre, secondo le statistiche fino a 70 milioni di persone hanno un disturbo del sonno.

Diverse cose possono aiutare a migliorare il sonno , come procurarsi un nuovo materasso, limitare il consumo di alcol a tarda sera, allenarsi regolarmente e usare rigorosamente la camera da letto per riposare.

Migliorare il sonno con ottimismo

Appare evidente dunque che ci sia un altro ingrediente in grado di aiutare a dormire, anche se potrebbe essere più difficile da ottenere rispetto a un nuovo materasso: una disposizione ottimista.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Behavioral Medicine, rileva che gli ottimisti tendono a dormire meglio. Questa è una scoperta che si basa su studi precedenti che hanno suggerito che gli ottimisti hanno una migliore salute cardiovascolare.

La dottoressa Rosalba Hernandez, assistente professore all’Università dell’Illinois presso la Scuola di lavoro sociale Urbana-Champaign, è l’autore principale della nuova ricerca.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *