Il cervello lavora ancora dopo la morte: a dirlo è uno studio

Stando ad una nuova ricerca , il cervello funziona ancora dopo la morte e riesce ad elaborare la consapevolezza di essere defunto.

La scoperta

Gli scienziati hanno scoperto parlando con delle persone scampate alla morte, che molti percepiscono in punto di morte le stesse cose, come luci brillanti e sensazioni. Questo quasi sicuramente dipende dalla nostra coscienza che continua ad andare per un breve periodo dopo che il cuore si ferma e il movimento del corpo diventa impossibile.

Ciò significa che il deceduto si sente bloccato nel suo corpo con un cervello che sa cosa gli sta succedendo. I sopravvissuti all’arresto cardiaco hanno riferito al team di essere a conoscenza di ciò che stava accadendo su di loro anche quando erano “morti”.

Lo stupore degli studiosi

Il dottor Sam Parnia è l’uomo che studia tutto questo e ha esaminato casi di arresto cardiaco e coscienza dopo la morte in Europa. Fondamentalmente, le prove indicano che le persone continuano a sperimentare cose durante la prima fase della morte.

Parnia ha dichiarato : “Descriveranno il lavoro di medici e infermieri, descriveranno la consapevolezza di conversazioni complete, di cose visive che accadevano, che altrimenti non sarebbero note a loro”.

Lo scopo del suo lavoro è vedere cosa succede al corpo di una persona dopo che sono entrati in uno stato di arresto cardiaco. Spera che le sue ricerche migliorino la qualità della rianimazione e provino a fermare le lesioni cerebrali subite quando si riavvia il cuore di qualcuno.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *