Il cervello dei cani è stato plasmato dagli uomini: ecco lo studio

La struttura del cervello del cane varia tra le razze ed è correlata a comportamenti specifici, secondo una nuova ricerca pubblicata da qualche giorno . Questi risultati mostrano come, riproducendo selettivamente determinati comportamenti, gli esseri umani hanno modellato il cervello dei loro amici a quattro zampe.

Come l’uomo influenza i cani

Nel corso di diverse centinaia di anni, gli esseri umani hanno allevato selettivamente cani per esprimere caratteristiche fisiche e comportamentali specifiche. Erin Hecht e colleghi hanno studiato gli effetti di questa pressione selettiva sulla struttura del cervello analizzando le scansioni di risonanza magnetica di 33 razze canine. Il team di ricerca ha osservato un’ampia variazione nella struttura del cervello che non era semplicemente correlata alla dimensione del corpo o alla forma della testa.

Il team ha quindi esaminato le aree del cervello con la maggior variazione tra le razze.

A cosa serve il nuovo studio

Ciò ha generato mappe di sei reti cerebrali, con funzioni proposte che variano dal legame sociale al movimento, ciascuna associata ad almeno una caratteristica comportamentale. La variazione dei comportamenti tra le razze era correlata alla variazione anatomica nelle sei reti cerebrali.

Lo studio della variazione neuroanatomica nei cani offre un’opportunità unica per studiare la relazione evolutiva tra struttura e comportamento del cervello.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *