I contagiati da Covid non rischiano di subire effetti sulla salute mentale: lo studio

La maggior parte delle persone ricoverate in ospedale per COVID-19 dovrebbero riprendersi senza subire effetti sulla salute mentale. Questo é quanto ha scoperto un’analisi recente.

Studiati i pazienti positivi

Una revisione degli studi esistenti su pazienti con COVID-19 recuperati e dati su pazienti con SARS e MERS, mostrano che i due terzi dei pazienti infetti dovrebbero sopravvivere senza sintomi come “confusione”, “agitazione” o “umore”..

Nonostante l’analisi, i ricercatori sottolineano che sono necessari ulteriori studi per valutare i veri effetti di COVID-19 sulla salute mentale delle persone infette.

Cosa suggerisce l’analisi

L’ analisi suggerisce che la maggior parte delle persone non soffrirà di problemi di salute mentale a seguito dell’infezione da coronavirus. Ad affermarlo è  l’autore principale Jonathan Rogers, dell’University College di Londra

Mentre ci sono poche prove che suggeriscono che le malattie mentali comuni oltre il delirio a breve termine sono una caratteristica dell’infezione COVID-19, i medici dovrebbero monitorare la possibilità che nelle settimane possano insorgere disturbi mentali. Ovviamente si parla di sintomi comuni come depressione, ansia, affaticamento e PTSD e mesi dopo il recupero da una grave infezione.

Quasi 4,8 milioni di persone in tutto il mondo sono state infettate con COVID-19, di cui quasi 1,5 milioni negli Stati Uniti, secondo gli ultimi dati della Johns Hopkins University.