I coccodrilli si sono evoluti poco dall’estinzione dei dinosauri

Una nuova ricerca condotta da scienziati dell’Università di Bristol spiega come un modello evolutivo “stop-start”, governato dal cambiamento ambientale, potrebbe spiegare perché i coccodrilli sono cambiati così poco dall’era dei dinosauri.

I coccodrilli oggi sembrano molto simili a quelli del periodo Giurassico circa 200 milioni di anni fa. Ci sono anche pochissime specie viventi oggi – solo 25. Altri animali come lucertole e uccelli hanno raggiunto una diversità di molte migliaia di specie nello stesso periodo di tempo o meno. Gli scienziati spiegano come i coccodrilli seguono un modello di evoluzione noto come “equilibrio punteggiato”.

L’evoluzione dei coccodrilli

La velocità della loro evoluzione è generalmente lenta, ma occasionalmente si evolvono più rapidamente perché l’ambiente è cambiato. In particolare, questa nuova ricerca suggerisce che la loro evoluzione accelera quando il clima è più caldo e che le dimensioni del loro corpo aumentano.

L’analisi ha utilizzato un algoritmo di apprendimento automatico per stimare i tassi di evoluzione. Il tasso evolutivo è la quantità di cambiamento che ha avuto luogo in un dato periodo di tempo, che possiamo calcolarlo confrontando le misurazioni dei fossili e tenendo conto della loro età.

Per lo studio i ricercatori hanno misurato le dimensioni del corpo, che è importante perché interagisce con la velocità con cui gli animali crescono, la quantità di cibo di cui hanno bisogno, quanto è grande la loro popolazione e quanto è probabile che si estinguano.

L’esito dello studio

I risultati mostrano che la diversità limitata dei coccodrilli e la loro apparente mancanza di evoluzione è il risultato di un lento tasso evolutivo. Sembra che i coccodrilli siano arrivati a un piano corporeo molto efficiente e abbastanza versatile da non aver bisogno di cambiarlo per sopravvivere.

Questa versatilità potrebbe essere una spiegazione del motivo per cui i coccodrilli sopravvissero all’impatto della meteora alla fine del periodo Cretaceo, in cui i dinosauri morirono. I coccodrilli generalmente prosperano meglio in condizioni di caldo perché non possono controllare la loro temperatura corporea e richiedono calore dall’ambiente.

Il prossimo passo per la ricerca del team è scoprire perché alcuni tipi di coccodrillo preistorico si sono estinti, mentre altri no.