Gli animali predatori che vivono vicino agli uomini preferiscono carne umana

Secondo un nuovo studio, i carnivori che vivono vicino alle persone ottengono fino alla metà delle loro calorie dal cibo umano .

Lo studio

Per molti animali selvatici, il cibo umano è l’equivalente del cibo spazzatura e i ricercatori temono che il richiamo del cibo spazzatura possa interrompere gli ecosistemi dominati dai carnivori del Nord America.

Quando gli scienziati hanno condotto analisi chimiche su campioni di ossa e pellicce di oltre 700 carnivori diversi in tutto il Midwest, hanno scoperto che gli animali che vivono più vicino ai centri di popolazione umana avevano maggiori probabilità di includere cibo umano nella loro dieta.

Gli animali si evolvono per vincere la competizione, ma si evolvono anche per evitare la competizione, se possibile. Di conseguenza, molti predatori prendono di mira prede di nicchia.

Ma poiché l’impronta dell’umanità si espande e sempre più predatori sviluppano un gusto per il cibo umano – per disperazione, convenienza o entrambi – gli scienziati temono che molti carnivori si troveranno sempre più in conflitto tra loro.

L’incursione del cibo umano potrebbe minacciare le relazioni tra predatori e prede, avvertono i ricercatori, minando l’equilibrio ecologico raggiunto nel corso di migliaia di anni. Inoltre, i cambiamenti nella dieta potrebbero aumentare le probabilità di conflitto uomo-animale.

Cosa si evince dall’analisi?

L’ultima analisi ha mostrato che i carnivori che vivono in habitat alterati dall’uomo hanno ottenuto in media il 25% delle loro calorie dal cibo umano. E alcune specie avevano maggiori probabilità di mangiare cibo umano rispetto ad altre.

Andando avanti, gli scienziati sperano di identificare e caratterizzare più precisamente i modi in cui gli alimenti umani stanno alterando le catene alimentari locali e rimodellando gli ecosistemi.