G7 sostiene la crisi economica provocata dal Covid-19

Il gruppo di 7 ministri delle finanze e governatori delle banche centrali ha dichiarato che continueranno ad espandere le azioni fiscali e monetarie. Questo al fine di superare l’impatto economico del coronavirus.

Il G7, composto da rappresentanti di Stati Uniti, Gran Bretagna, Canada, Francia, Germania, Italia e Giappone, ha già revocato l’incontro di persona presso Camp David a favore di una teleconferenza a causa della pandemia.

Cosa intende fare il G7?

Il gruppo ha dichiarato: “Faremo tutto il necessario per ripristinare la fiducia e la crescita economica e proteggere posti di lavoro, imprese e capacità di ripresa del sistema finanziario. Ci impegniamo anche a promuovere il commercio e gli investimenti globali per sostenere la prosperità”.

Le nazioni stanno lavorando insieme per provare a far fronte all’epidemia di COVID-19 e per mitigarne l’impatto. La priorità ora è curare le persone colpite e prevenire ulteriori trasmissioni. I ministeri delle finanze del G7 stanno contribuendo a portare avanti questo sforzo fornendo i finanziamenti necessari per rispondere alla situazione.

Tutta l’assistenza necessaria

I! gruppo ha affermato che fornirà assistenza bilaterale e multilaterale e rafforzerà gli sforzi di prevenzione dei governi stranieri e i sistemi di risposta alle emergenze.

Le banche centrali e i ministeri del G7 hanno dichiarato che manterranno stretti contatti e condivideranno informazioni per rispondere adeguatamente alle mutevoli condizioni della pandemia.