Come in Cina, anche in Europa cala l’inquinamento

L’inquinamento è diminuito in alcune città europee poiché molti paesi hanno interrotto attività e traffico combattere l’ epidemia di coronavirus.

Le immagini satellitari

Le immagini satellitari mostrano concentrazioni di biossido di azoto (NO2) dal 10 marzo al 22 marzo, rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

L’NO2 si è mostrato in concentrazioni più basse questo mese in tutta Europa . Le mappe mostrano differenze notevoli a Essen, in Germania; Granada, la Spagna e la capitale della Russia , Mosca.

Marshall Burke, professore presso il Dipartimento di Scienze dei sistemi terrestri dell’Università di Stanford, ha dichiarato che i dati dimostrano abbastanza chiaramente che l’inquinamento atmosferico è diminuito a causa dell’epidemia.

Cosa provoca l’inquinamento?

I livelli di biossido di azoto nell’atmosfera provengono in parte da automobili, camion, autobus e centrali elettriche. Quindi con la quarantena non ci sono più certi livelli di emissione.

L’inquinante atmosferico si forma quando combustibili fossili come carbone, petrolio, gas o diesel vengono bruciati ad alte temperature. Insieme ad altri ossidi di azoto, NO2 contribuisce all’inquinamento da particelle nell’aria.

Lo smog può causare una serie di problemi di salute, tra cui una maggiore infiammazione delle vie aeree; tosse e respiro sibilante e ridotta funzionalità polmonare. Addirittura, secondo una nuova ricerca che avverte NO2 come probabile causa di asma nei bambini

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *