Ecco perchè il cervello umano si evolve prima di quello dei primati

Un nuovo studio è il primo a identificare come i cervelli umani crescono molto più grandi, con un numero di neuroni tre volte maggiore. Almeno rispetto ai cervelli di scimpanzé e gorilla. Lo studio ha identificato un interruttore molecolare chiave che può far crescere gli organoidi cerebrali delle scimmie più simili agli organoidi umani e viceversa.

Lo studio

La ricerca ha confrontato gli “organoidi cerebrali” – tessuti 3D cresciuti da cellule staminali che modellano lo sviluppo iniziale del cervello – che sono stati coltivati da cellule staminali umane, gorilla e scimpanzé.

Simili ai cervelli reali, gli organoidi del cervello umano sono cresciuti molto più grandi degli organoidi di altre scimmie.

Questo fornisce alcune delle prime informazioni su ciò che è diverso nello sviluppo del cervello umano che ci distingue dai nostri parenti viventi più stretti, le altre grandi scimmie . La differenza più evidente tra noi e le altre scimmie è quanto sia incredibilmente grande il nostro cervello.

Durante le prime fasi dello sviluppo del cervello, i neuroni sono costituiti da cellule staminali chiamate progenitori neurali. Queste cellule progenitrici hanno inizialmente una forma cilindrica che facilita la loro divisione in cellule figlie identiche con la stessa forma.

Più volte le cellule progenitrici neurali si moltiplicano in questa fase, più neuroni ci saranno in seguito. Man mano che le cellule maturano e rallentano la loro moltiplicazione, si allungano, formando una forma simile a un cono gelato allungato.

I progenitori umani sono stati ancora più ritardati in questa transizione, impiegando circa sette giorni. Le cellule progenitrici umane hanno mantenuto la loro forma cilindrica più a lungo rispetto alle altre scimmie e durante questo periodo si sono divise più frequentemente, producendo più cellule.

Una vera differenza

Questa differenza nella velocità di transizione dai progenitori neurali ai neuroni significa che le cellule umane hanno più tempo per moltiplicarsi. Questo potrebbe essere in gran parte responsabile del numero circa tre volte maggiore di neuroni nel cervello umano rispetto al cervello di gorilla o scimpanzé.