Diabete e obesità causano l’invecchiamento precoce dei vasi sanguigni

Secondo un nuovo studio, l’obesità, il diabete di tipo 2 o l’ipertensione aumentano il rischio di invecchiamento precoce dei vasi sanguigni negli adolescenti.

Lo sviluppo dell’aterosclerosi precoce

Lo studio dimostra che i lenti cambiamenti nei vasi sanguigni che portano allo sviluppo del restringimento delle aterosclerosi delle arterie partono all’inizio della vita.

Ad occuparsi della ricerca il professore Justin Ryder, assistente di pediatria presso la facoltà di medicina dell’Università del Minnesota, a Minneapolis.

Lo studio ha incluso 141 adolescenti con peso normale, 156 adolescenti obesi e 151 adolescenti con diabete di tipo 2 che sono stati seguiti per cinque anni. L’età media dei ragazzi aveva quasi 18 anni quando è iniziato lo studio.

Dopo cinque anni, gli adolescenti con obesità, diabete di tipo 2 o ipertensione sistolica avevano molte più probabilità di avere arterie carotidi più spesse e rigide rispetto agli adolescenti con peso normale. L’arteria carotide è il principale vaso sanguigno che porta al cervello.

Patologie da tenere d’occhio

L’obesità, il diabete di tipo 2 e l’ipertensione sono i principali fattori di rischio per infarto e ictus più avanti nella vita, hanno osservato gli autori dello studio. Tutti questi disturbi quindi sono stati associati in modo indipendente al fatto di avere arterie più spesse.

Ryder ha affermato che l’obesità deve essere affrontata seriamente. L’invecchiamento precoce dei vasi sanguigni, che è un segno allarmante di disfunzione cardiovascolare e un precursore di malattie cardiovascolari in l’età adulta.