Come organizzare un matrimonio: le scelte migliori

Per molti è davvero il giorno più bello della propria vita ed è per questo che fin da quando si è bambini si sogna il miglior matrimonio possibile. Convolare a nozze con la persona che si ama è quanto di più emozionante possa capitare nella vita di un uomo e di una donna: se poi si riesce ad organizzare il tutto proprio come si è sempre sognato, ecco che il bellissimo giorno diventerà davvero memorabile, non soltanto per gli sposi, ma anche per le famiglie, per gli amici e per tutti i presenti.

Ma per garantire un’eccellente organizzazione serve un’estrema attenzione a tutti i dettagli, anche quelli che all’apparenza possono sembrare banali o secondari. Serve un vero e proprio “piano organizzativo”, che può essere realizzato più facilmente se si seguono alcuni importanti consigli.

Matrimonio perfetto? Prima di tutto occhio al budget

Prima di tutto, per realizzare il matrimonio dei propri sogni bisogna partire dal budget a disposizione. Fare il passo più lungo della gamba può significare ritrovarsi già con dei debiti a cui fare fronte nei primi mesi da marito e moglie. Meglio fare a meno di tutte quelle cose che non hanno alcuna utilità e concentrarsi unicamente sugli aspetti peculiari dell’intera cerimonia.

È giusto tenere d’occhio il budget, ma l’unica cosa a cui non si può rinunciare è un buon servizio fotografico, come quello garantito da Giacomoterracciano.it.

Per il resto, ad esempio, si può optare per un rinfresco non esageratamente sfarzoso e magari anche su un pranzo non esattamente luculliano. Allo stesso modo, durante l’organizzazione del matrimonio si capirà il numero massimo di invitati, in base al budget stabilito.

Una volta superato questo “step”, ecco che i passaggi da effettuare sono quelli che riguardano il dove, il come e soprattutto il quando sposarsi. Il luogo dove verrà celebrato il matrimonio non è scontato: c’è chi è troppo legato alle tradizioni e sceglie il rito religioso, ma ci sono anche sposi che invece optano per il solo rito civile.

Nel primo caso bisognerà verificare la disponibilità del luogo e del celebrante, oltre alla quota da versare alla chiesa scelta; in caso di matrimonio in municipio, sarà necessario prendere contatti con il Comune per avviare l’iter.

Dopo aver scelto il luogo del matrimonio e il rito, ecco che marito e moglie si ritroveranno a decidere sulla data: sposarsi in estate significa poter sfruttare le belle giornate e di conseguenza poter indossare abiti più leggeri, mentre nei mesi autunnali e invernali la bassa stagione permette di individuare location un po’ più economiche.

Un altro dettaglio da non sottovalutare è l’invio delle partecipazioni. Nella maggior parte dei casi, specialmente negli ultimi tempi, le partecipazioni di nozze rispecchiano i gusti e i rispettivi caratteri degli sposi. Coloro che gradiscono la partecipazione “classica” non baderanno a spese e proporranno un invito senza particolarità; la coppia invece che predilige la creatività sceglierà qualcosa di pittoresco e divertente. La cosa più importante è rappresentata dai tempi: le partecipazioni vanno pensate diversi mesi prima delle nozze ed è bene inviarle a tutti gli invitati almeno due mesi prima della data del matrimonio, in modo tale da lasciare il giusto tempo agli interessati di riflettere sull’opportunità di prendere parte o meno alla cerimonia.

La scelta della location, un aspetto fondamentale

Come accennato in precedenza, la scelta della location rappresenta un aspetto determinante nell’organizzazione di un matrimonio e nella sua effettiva riuscita. Le caratteristiche più importanti da guardare quando ci si appresta a scegliere il luogo più adatto sono quelle che fanno riferimento alla professionalità della struttura e alla qualità del cibo proposto.

Naturalmente, la scelta “top” sarebbe quella che riesce ad abbinare questi due aspetti con un prezzo non eccessivo. Per quanto riguarda il rinfresco, ci sono diverse tipologie su cui può orientarsi la scelta degli sposi: in genere, specie di recente, viene preferita la soluzione con buffet iniziale ai tavoli assegnati (possibilmente all’esterno, in caso di matrimonio estivo) e qualche portata (pranzo o cena) servita dal personale, sempre al tavolo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *