Alcuni vermi vedono anche senza testa: lo studio

I piccoli vermi possono “vedere” la luce senza i loro occhi o le loro teste, hanno scoperto di recente gli scienziati.

Lo studio

I planarian sono un tipo di vermi piatti, che sono creature dal corpo molle prive di organi complessi. Hanno due occhi che si collegano a un fascio centralizzato di gangli nelle loro teste che funge da cervello e quegli occhi sono sensibili alla luce ultravioletta (UV). In presenza di luce UV, i vermi usano le loro ciglia – minuscole strutture simili a capelli sui loro corpi – per divincolarsi.

Tuttavia, si scopre che i piccoli vermi, che misurano solo pochi millimetri di lunghezza, non hanno bisogno dei loro occhi o del loro cervello per il rilevamento della luce.

Rimuovere la testa di un animale potrebbe sembrare un modo strano per condurre esperimenti sul comportamento. Ma i planarian sono noti non solo per sopravvivere alla decapitazione, ma anche per rigenerare facilmente le parti del corpo mancanti.

Le planarie decapitate coltivano facilmente nuove teste e gli scienziati possono persino modificare le istruzioni genetiche dei vermi per indurli a far crescere le teste di specie diverse.

Le cellule che producono una sola opsina erano cellule del pigmento, hanno scoperto i ricercatori. Solo i vermi maturi possedevano questo superpotere sensibile alla luce. I vermi appena nati non sono stati in grado di rilevare la luce UV dopo che le loro teste sono state tagliate, suggerendo che le cellule sensibili alla luce nei corpi dei vermi si sviluppano dopo la schiusa, hanno scritto i ricercatori.

Cosa hanno scoperto gli scienziati

Gli scienziati hanno anche scoperto che quando intere planarie riposavano in uno stato inattivo simile al sonno, si rianimavano in presenza di luce UV, anche quando non rispondevano ad altri stimoli visivi.