Scoperte nuove specie di vermi che vivono in fondo all’oceano

Il gruppo di vermi di acque profonde noto come vermi Elvis è composto da almeno quattro specie distinte. Un nuovo studio ha stabilito nuovi nomi per queste specie.

Le nuove specie

Le nuove specie sono state raccolte dagli scienziati nel corso di diversi anni. Le quattro specie sono vermi tecnicamente in scala, ma i ricercatori hanno iniziato a chiamarli vermi Elvis, un riferimento al loro aspetto unico. I vermi della profondità del mare sfoggiano gusci ricoperti di lastre iridescenti che ricordano le tute con paillettes del re.

Solo di recente gli scienziati sono stati in grado di distinguere tra diverse specie di vermi Elvis utilizzando l’analisi genetica. I ricercatori hanno descritto le quattro specie – Peinaleopolynoe goffrediae, P. mineoi, P. orphanage e P. elvisi.

Sotto le loro squame scintillanti ci sono strutture ramificate simili a polmoni. I ricercatori sospettano che l’organo abbia evoluto la sua complessità per aiutare i vermi a respirare in ambienti a basso ossigeno. La maggior parte dei vermi Elvis sono stati trovati vicino a carcasse di balene e altri tipi di materia organica in decomposizione. Una delle specie appena nominate è stata trovata vivendo vicino a uno sfogo idrotermale.

Dove vivono

Tutte e quattro le specie appena nominate sono state trovate a migliaia di metri sotto la superficie dell’oceano, troppo profonde per raggiungere la luce del sole.

Mentre alcune creature del mare profondo hanno gli occhi, i vermi Elvis ne fanno a meno. I vermi non producono luce loro stessi e non possono vedere la luce senza occhi, quindi la loro iridescenza non ha scopi comunicativi.

Invece, gli scienziati sospettano che il luccichio delle loro scale offra alcuni tipi di benefici difensivi. I predatori di acque profonde con le torce sotto gli occhi potrebbero ricevere un bagliore accecante quando si avvicinano troppo ad un verme Elvis. È anche possibile che la loro iridescenza non abbia alcuno scopo funzionale