Ricordi: ecco perché alcuni restano e altri svaniscono

Perché riusciamo a ricordare il nome del nostro migliore amico d’infanzia che non vediamo da anni ma dimentichiamo facilmente il nome di una persona che hai appena incontrato un momento fa? Ci sono alcuni ricordi stabili per decenni, e altri svaniscono in pochi minuti. La scienza ne dà una spiegazione

Lo studio della memoria

Usando modelli murini, i ricercatori di Caltech hanno ora stabilito che i ricordi forti e stabili sono codificati da “team” di neuroni che sparano tutti in sincronia, fornendo ridondanza che consente a questi ricordi di persistere nel tempo. La ricerca ha implicazioni per la comprensione di come la memoria potrebbe essere influenzata dopo un danno cerebrale, come ad esempio ictus o morbo di Alzheimer.

Il lavoro è stato svolto nel laboratorio di Carlos Lois, professore di ricerca di biologia, ed è descritto in un articolo che appare nel 23 agosto della rivista Science . Lois è anche un membro di facoltà affiliato del Tianqiao e Chrissy Chen Institute for Neuroscience di Caltech.

Guidato dallo studioso post dottorato Walter Gonzalez, il team ha sviluppato un test per esaminare l’attività neurale dei topi mentre apprendono e ricordano un nuovo posto.

Una svolta nel modo di concepire i ricordi

Per anni, la gente ha saputo che più pratichi un’azione, maggiori sono le possibilità che la ricorderai in seguito“, afferma Lois. “Ora pensiamo che ciò sia probabile, poiché più si pratica un’azione, maggiore è il numero di neuroni che codificano l’azione. Le teorie convenzionali sulla memorizzazione della memoria postulano che rendere una memoria più stabile richiede il rafforzamento delle connessioni a un neurone individuale. I nostri risultati suggeriscono che l’aumento del numero di neuroni che codificano la stessa memoria consente alla memoria di persistere più a lungo. “

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *