Nuove info rilevate dagli scienziati sulla formazione dei cristalli

Gli scienziati hanno acquisito nuove informazioni sui tassi di crescita dei cristalli all’interno di pegmatiti, formazioni simili a vene che ospitano alcuni dei cristalli più grandi del pianeta, nonché elementi preziosi come tantalio, niobio e litio.

Il tempo di raffreddamento del magma controlla tipicamente la dimensione dei cristalli: quando il magma si raffredda rapidamente, i cristalli rimangono microscopici e quando si raffredda lentamente, i cristalli hanno il tempo di crescere.

Come si è evoluto lo studio

Per determinare i tassi di crescita dei cristalli di pegmatite, gli scienziati si sono rivolti agli elementi rari che si trovano spesso all’interno delle pegmatiti.

Dopo aver esaminato dozzine di articoli scientifici sulla chimica della formazione dei cristalli e aver esaminato da vicino una varietà di cristalli da una miniera di pegmatite nel sud della California, i ricercatori hanno sviluppato una formula per tradurre i profili chimici in tassi di crescita dei cristalli.

Le pegmatiti si formano quando pezzi della crosta terrestre vengono abbattuti e riciclati all’interno del mantello terrestre. L’acqua intrappolata nella crosta viene sciolta nella massa fusa. Quando la pegmatite sale e si raffredda, si forma una varietà di minerali. Con la precipitazione di ogni nuovo minerale, la fusione rimanente diventa sempre più accumulata dall’acqua.

Cosa si evince dall’analisi degli scienziati?

La loro analisi ha mostrato che i cristalli di quarzo pegmatite erano cresciuti a velocità di diversi ordini di grandezza più veloci di quanto chiunque avesse previsto in precedenza.

Tuttavia, il team di ricerca ha avuto difficoltà ad accettare i numeri. Le loro formule mostravano che i cristalli stavano crescendo nel giro di poche ore. Ma dopo aver controllato due e tre volte il loro lavoro, tutti i ricercatori hanno accettato la loro scoperta.