Gestire le eruzioni vulcaniche: secondo questo studio si può

La roccia fusa che alimenta i vulcani può essere immagazzinata nella crosta terrestre per un periodo di mille anni. Questa notizia può aiutare a gestire le eruzioni vulcaniche, sapendo quando potrebbero verificarsi.

La roccia fusa studiata in una ricerca

I ricercatori dell’Università di Cambridge hanno usato minerali vulcanici noti come “orologi di cristallo” per calcolare quanto tempo il magma può essere immagazzinato nelle parti più profonde dei sistemi vulcanici. Questa è la prima stima dei tempi di conservazione del magma vicino al confine della crosta terrestre e del mantello.

Si tratta di un lavoro investigativo geologico, secondo il dott. Euan Mutch del Dipartimento di Scienze della Terra di Cambridge. “Studiando ciò che vediamo nelle rocce per ricostruire come era l’eruzione, possiamo anche sapere in che tipo di condizioni si trova il magma, ma è difficile capire cosa sta accadendo nelle parti più profonde dei sistemi vulcanici”.

Determinare quanto tempo il magma può essere immagazzinato nella crosta terrestre può aiutare a migliorare i modelli dei processi che scatenano le eruzioni vulcaniche. La velocità di aumento e stoccaggio del magma è strettamente legata al trasferimento di calore e sostanze chimiche nella crosta delle regioni vulcaniche.

Usando il metodo dell’orologio di cristallo, i ricercatori sono stati in grado di modellare come la composizione dei cristalli è cambiata nel tempo. Il tutto mentre veniva conservato il magma.

Il ruolo dell’anidride carbonica: potremo gestire le eruzioni vulcaniche in futuro?

I ricercatori hanno infine osservato che una quantità sufficiente di CO 2 è stata trasferita dal magma in gas nei giorni precedenti l’eruzione. Dunque il monitoraggio della CO 2 potrebbe essere un modo utile per individuare i precursori delle eruzioni in Islanda.

Basandosi sullo stesso set di cristalli di Borgarhraun, i ricercatori hanno scoperto che il magma può sollevarsi da una camera a 20 chilometri di profondità dalla superficie. Tutto in appena quattro giorni.