Entro un decennio milioni persone moriranno di inquinamento atmosferico

L’inquinamento atmosferico potrebbe causare la morte di milioni di persone entro un decennio.

Il rapporto della BHF, ente di beneficenza

La British Heart Foundation (BHF), ha stilato il rapporto con queste cifre. Valori che sono destinati ad aumentare man mano che la popolazione continua a invecchiare.

La speranza che tutti gli stati possano adottare le linee guida dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) sull’inquinamento atmosferico e le rispettino entro il 2030.

Gli attuali limiti UE per l’inquinamento da polveri sottili (PM2,5) sono 25 μg / m 3 come media annuale. I limiti dell’OMS sono più severi, a 10μg / m una media annuale di 3 .

Un quadro triste su scala mondiale

Ogni giorno milioni di persone in tutto il mondo inalano particelle tossiche che penetrano nel sangue e restano bloccate nei nostri organi. Si aumenta in tal modo il rischio di infarti e ictus.

La tossicità dell’aria è un’emergenza per la salute pubblica e nessuno ha fatto abbastanza per affrontare questa minaccia per la nostra società. Bisogna quindi garantire che le linee guida sulla qualità dell’aria più rigorose e basate sulla salute siano adottate per legge per proteggere la salute di ogni nazione.

L’emergenza climatica è anche un’emergenza sanitaria, con migliaia di decessi evitabili e ricoveri ospedalieri ogni anno legati all’inquinamento atmosferico. Questo è il  motivo per cui si devono ridurre le emissioni di carbonio, altrimenti ad oggi le prospettive di vita diventano negative, per vecchie e nuove generazioni.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *