Dormire più di 9 ore favorisce il rischio di ictus

Secondo un nuovo studio, stavolta di stampo cinese, chi dorme per più di nove ore ogni notte (o chi è solito fare la siesta pomeridiana), ha un maggiore rischio di ictus.

Lo studio sulle persone

I ricercatori dell’Università Huazhong di Scienza e Tecnologia di Wuhan, si sono basati sull’osservazione di 31.750 adulti cinesi con un’età media di 62 anni ma in salute. Il team ha intervistato le persone circa le loro abitudini di sonno e di pisolino.  L’80% dei partecipanti ha riferito di aver l’abitudine di fare un pisolino di durata superiore a 90 minuti. Invece il 20% ha affermato di dormire nove o più ore a notte. Le persone in questione sono state seguite per un media di sei anni.

I risultati hanno mostrato che, chi fa un sonnellino di 90 minuti ha maggiore rischio di avere un ictus rispetto a quelli che hanno fatto un pisolino più breve della durata di massimo 30 minuti. Stesso discorso vale per chi dorme più di nove ore: rischiano più di are ictus rispetto a chi dorme in media sette-otto ore.

Alla ricerca di basi scientifiche

Il team dichiara che oggi ha bisogno di necessarie ulteriori ricerche per capire come il troppo sonno sia legato ad un aumentato rischio di ictus. Resta il fatto che già altri studi avevano dimostrato che il sonno comporta cambiamenti sfavorevoli dal punto di vista salutare.

Tali risultati mettono in evidenza l’importanza di un sonnellino che sia però contenuto al livello di durata. Questo in particolare per gli adulti di mezza età e per quelli più anziani.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *