Disturbi alimentari: pochi gli adulti che li curano

I giovani adulti non sempre si fanno avanti a cercare aiuto per curare i disturbi alimentari. A stabilirlo un nuovo studio.

Il nuovo studio

I ricercatori hanno intervistato 300 giovani adulti, di età compresa tra 18 e 25 anni, in Australia. Hanno scoperto che la maggior parte aveva problemi di alimentazione, peso o forma del corpo.

Solo una minoranza di persone con sintomi di disordine alimentare aveva cercato aiuto professionale. Addirittura pochi credevano di aver bisogno di aiuto nonostante i problemi che stavano vivendo.

I motivi per cui non cercano assistenza professionale includono la negazione, le preoccupazioni relative alla perdita di controllo sul consumo o sul peso e la mancanza di comprensione della gravità del disturbo alimentare.

Sentirsi imbarazzati o temere che gli altri non credano che i disordini alimentari siano vere e proprie malattie hanno persino impedito ai giovani adulti con sintomi di anoressia o bulimia o obesità di trovare una soluzione.

L’importanza dei medici

Medici, consulenti e altri operatori sanitari, così come il pubblico in generale, devono sapere perché le persone non cercano aiuto per i disturbi alimentari. Bisogna trovare una soluzione

Secondo i ricercatori, i giovani adulti dovrebbero essere in possesso di maggiori informazioni sulla gravità e l’impatto dei disturbi alimentari. Ma in particolare su come i sintomi possono peggiorare senza trattamento e sull’importanza di cercare aiuto e apprendere strategie di autogestione.