Aumentati i ricoveri da overdose durante l’emergenza pandemica

I ricoveru da overdose da oppiacei ai dipartimenti di emergenza statunitensi sono aumentati di quasi un terzo durante la pandemia. Questa è la scoperta chiave in una nuova analisi dei dati di 25 dipartimenti di emergenza in Alabama, Colorado, Connecticut, North Carolina, Massachusetts e Rhode Island.

Il COVID-19 e le interruzioni in ogni parte della nostra vita sociale e lavorativa, hanno reso questa situazione ancora più difficile aumentando il rischio di abuso di oppioidi e ricadute perché le persone sono state separate dal loro supporto sociale e dalle normali routine.

Lo studio ha rivelato che le visite al pronto soccorso legate all’overdose da oppiacei sono aumentate del 28,5% lo scorso anno, rispetto al 2018 e al 2019. I numeri grezzi nello studio erano 3.486 nel 2020; 3.285 nel 2019; e 3.020 nel 2018.

I ricercatori hanno collegato le overdose da oppiacei a una su 313 visite al pronto soccorso lo scorso anno, rispetto a una su 400 nei due anni precedenti.

I tassi effettivi di overdose da oppiacei potrebbero essere più alti di quanto suggerito dallo studio, perché il numero di persone che overdose ma non si recano al pronto soccorso è probabilmente in aumento, hanno osservato i ricercatori.

In risposta all’ondata, il team di ricerca ha affermato che i trattamenti per la dipendenza da oppiacei come la buprenorfina e il metadone e il naloxone, un farmaco contro l’overdose da oppiacei, devono essere più accessibili.