Una buona percentuale di affetti da covid subisce conseguenze neurologiche

I pazienti con sintomi neurologici diagnosticati clinicamente associati a COVID-19 hanno una probabilità sei volte maggiore di morire.

Lo studio

Molto presto durante la pandemia, è diventato evidente un brutto aspetto. Ovvero che un buon numero di persone che erano abbastanza malate da essere ricoverate in ospedale sviluppano anche problemi neurologici. Grazie a questo studio è possibile imparare il più possibile sugli impatti neurologici del COVID-19 nei pazienti che sono attivamente malati e nei sopravvissuti.

Il GCS-NeuroCOVID è il più grande studio di coorte sulle manifestazioni neurologiche di COVID-19 fino ad oggi. Esso copre 133 siti di pazienti adulti in tutti i continenti tranne l’Antartide.

Le conseguenze del covid

Lo studio ha scoperto che avere una condizione neurologica preesistente di qualsiasi tipo è il più forte predittore dello sviluppo di complicanze neurologiche correlate a COVID-19. In aumento il rischio di duplice entià.

Ma anche se un paziente supera le probabilità e si riprende, le sue prospettive di salute a lungo termine sono ancora incerte.

Anche se la pandemia sarà completamente debellata, stiamo ancora parlando di milioni di sopravvissuti che hanno bisogno di aiuto. È importante scoprire quali sintomi e problemi di salute devono affrontare quei pazienti. E c’è ancora molto lavoro per gli anni a venire.