Trovati nave e cimitero in una città sommersa egiziana

Gli archeologi hanno scoperto il relitto di 2.200 anni di una nave egiziana che affondò dopo essere stata colpita con blocchi giganti dal famoso tempio di Amon. La cosiddetta galea, insieme a un cimitero, sono stati scoperti sotto il Mar Mediterraneo a Thonis-Heracleion, una città caduta in acqua molto tempo fa. 

La nave è chiamata galea veloce, un tipo di nave con una grande vela che sarebbe stata spinta a velocità relativamente elevate da una squadra di rematori. La galea veloce scoperta di recente è lunga 82 piedi (25 metri) con una chiglia piatta, una caratteristica che si trova comunemente tra le antiche navi che navigavano sul Nilo.  “affondato dopo essere stato colpito da enormi blocchi dal famoso tempio di Amon, che è stato completamente distrutto [durante] un evento cataclismico nel II secolo aC.

Nel sito di questa città sommersa, gli archeologi hanno anche scoperto un cimitero che era in uso già 2.400 anni fa. Il team ha trovato ceramiche riccamente decorate, incluso un pezzo che sembra avere immagini di onde dipinte su di esso. 

Gli archeologi hanno anche trovato un amuleto d’oro raffigurante Bes, un dio egizio associato al parto e alla fertilità. Gli antichi egizi a volte usavano immagini del dio per proteggere i bambini e le donne che partorivano. 

Il sepolcreto era ricoperto da un grande tumulo, un cumulo di rocce comunemente usato nel mondo antico per segnare i luoghi delle sepolture.