Sisma bonus, come si applica alle aziende e ai capannoni

Il sisma bonus è un’agevolazione predisposta dallo Stato che ha l’obiettivo di favorire la messa in atto di azioni di messa in sicurezza dal punto di vista antisismico degli immobili, sia per quanto riguarda le abitazioni che relativamente agli edifici produttivi. Si tratta di una misura che è valida per gli edifici che si trovano nelle zone di rischio sismico classificate con i numeri 1, 2 e 3. Per effettuare tutte le pratiche relative al sisma bonus è sempre opportuno rivolgersi a dei professionisti del settore, in modo da avere a disposizione il visto di conformità. Ma come funziona il sisma bonus nel caso delle aziende e dei capannoni? Vediamo di saperne di più sul funzionamento di questa misura nell’ambito degli immobili a carattere aziendale.

Il sisma bonus per le aziende

Come abbiamo già sottolineato, rivolgersi a degli esperti del settore, come il team di www.serianaedilizia.it, è fondamentale per poter usufruire di numerosi servizi importanti, dalla progettazione alla realizzazione degli interventi, anche in relazione al sisma bonus e alle altre agevolazioni previste dal Governo per favorire la messa in sicurezza e l’efficienza energetica degli edifici.

Secondo quanto ha chiarito l’Agenzia delle Entrate, in merito al sisma bonus per le aziende, la detrazione in questione può essere ottenuta anche da soggetti titolari di reddito di impresa, per immobili della società oggetto dell’attività esercitata.

In base alle indicazioni fornite dall’Agenzia delle Entrate, quindi, non è necessario che un’impresa esegua in modo diretto i lavori per la messa in sicurezza antisismica. Questi ultimi possono essere commissionati ad un’altra impresa, purché l’appaltante abbia il titolo abilitativo richiesto per la messa in atto dei lavori.

I capannoni industriali rientrano nel sisma bonus?

Partiamo subito con una risposta affermativa: i capannoni industriali possono rientrare negli incentivi previsti dal sisma bonus al 110%. È possibile per chi vuole usufruire delle agevolazioni in questione richiedere le detrazioni per lavori realizzati con l’obiettivo di diminuire il rischio sismico e anche per realizzare dei sistemi che possano garantire il monitoraggio del rischio stesso. Naturalmente in questo secondo caso le agevolazioni saranno disponibili esclusivamente se i lavori vengono messi in atto insieme ad un intervento dal carattere antisismico.

Per quanto riguarda l’importo delle detrazioni nel caso dei capannoni industriali, ci sono diverse cifre sulla base degli interventi realizzati. Ad esempio si tratta di un importo corrispondente al 50% per i lavori di demolizione e di ricostruzione degli immobili che non hanno i requisiti necessari per usufruire delle detrazioni.

L’importo della detrazione passa al 70% nel caso di riduzione del rischio sismico, quando si passa ad una classe di rischio inferiore, e all’80% per lavori con riduzione del rischio effettuati tenendo conto del passaggio a due classi di rischio inferiori.

Per quanto riguarda le spese ammissibili, si parla di una somma complessiva per ogni anno corrispondente a 96.000 euro. Nel calcolo delle spese non rientrano esclusivamente i lavori effettuati, ma anche i costi sostenuti per il lavoro di individuazione del rischio effettuato da un professionista, quelli per la progettazione dei lavori, le spese amministrative ed eventuali altri costi sostenuti.

Sono diverse le modalità con le quali è possibile usufruire di queste agevolazioni previste dal sisma bonus anche per i capannoni industriali. Infatti, oltre alla detrazione, è possibile effettuare la richiesta attraverso uno sconto in fattura da parte dell’azienda che si occupa della messa a punto dei lavori oppure tramite la cessione del credito.

Naturalmente è bene tenere conto delle differenze tra le varie agevolazioni disponibili. Per esempio bisogna distinguere il sisma bonus dall’ecobonus, che riguarda i lavori che hanno l’obiettivo di mettere in atto interventi di riqualificazione energetica degli immobili, per il miglioramento dell’efficienza energetica dell’edificio.