Misurare la pressione in casa con apparecchi professionali

Per chi soffre di pressione alta, ma più in generale per tutti coloro che desiderano tenere sotto controllo il proprio stato di salute, è importante avere la possibilità di disporre di un misuratore di pressione da usare in casa ogni volta che se ne ha la necessità, senza che si sia costretti a recarsi da un medico. I dispositivi moderni come i prodotti professionali Medel offrono un vantaggio di non poco conto: dal momento che sono digitali, mettono a disposizione misurazioni rapide e, proprio per questo motivo, consentono di visualizzare i risultati in modo immediato. Naturalmente deve essere chiaro che l’utilizzo domestico di un misuratore di pressione non deve mai sostituire il consulto di un medico, che deve essere contattato non appena ci si imbatte in valori fuori norma.

Ma come sono fatti i misuratori di pressione migliori? Essi sono muniti di monitor piuttosto grandi per fare in modo che i valori registrati e riportati possano essere letti senza problemi da chiunque; inoltre, presentano bracciali universali per tutte le taglie, che possono essere usati da persone di tutte le età. Non mancano i modelli che sono dotati di uno schermo retroilluminato, utile quando c’è bisogno di visualizzare al buio.

Differenza tra massima e minima

Sia i misuratori automatici da polso che quelli da braccio sono ormai a buon mercato e sempre più semplici da utilizzare: essi sono degli alleati molto preziosi per le persone che soffrono di ipertensione e garantiscono standard di affidabilità piuttosto elevati. Vale la pena ricordare che la pressione arteriosa corrisponde alla pressione che il sangue pompato dal cuore esercita sulla parete dei vasi arteriosi, da cui dipende la distribuzione del sangue nel corpo umano.

Si distingue, come noto, tra una pressione massima e una pressione minima: la prima, nota anche come sistolica, corrisponde a quando il sangue viene pompato nelle arterie dal cuore, mentre la seconda, nota anche come diastolica, corrisponde a quando il cuore si ricarica di sangue in vista del battito seguente. 

Come effettuare una misurazione ottimale

La misurazione della pressione che si effettua al braccio o al polso è di tipo indiretto: quella diretta, infatti, prevede l’introduzione di un catetere nell’arteria e il suo collegamento con un trasduttore di pressione, ma ovviamente non viene eseguita in condizioni normali. Lo sfigmomanometro a mercurio è il dispositivo che viene usato più di frequente per la misurazione indiretta, anche perché è quello che garantisce i risultati più precisi. Una particolare attenzione è necessaria per le persone anziane, soprattutto perché nella maggior parte dei casi la pressione alta tra gli “over” non presenta sintomi. Diverso è il caso della pressione bassa, che (essendo comunque meno pericolosa per la salute) può essere identificata da stanchezza e spossatezza, ma anche capogiri frequenti.

Procedere a una misurazione non è troppo complicato: non bisogna far altro che posizionare il manicotto di gomma sul braccio tenendo come riferimento la zona tra la piega del gomito e l’ascella. La campana del fonendoscopio deve essere posta all’altezza della piega del gomito, poiché è qui che si può avvertire la pulsazione dell’arteria omerale; il fonendoscopio è lo strumento che permette di raccogliere i rumori che sono provocati dal passaggio del sangue nell’arteria e di trasmetterli all’orecchio. Nel caso in cui la misurazione sia effettuata da un’altra persona, si tasta il polso per sentire la pulsazione dell’arteria radiale, cosa che ovviamente non avviene se si è da soli. 

Le condizioni migliori per una misurazione

Quando si procede alla misurazione della pressione, è necessario essere il più possibile rilassati: questo vuol dire che ci si deve mettere comodamente seduti in un ambiente in cui vi sia una temperatura gradevole e che offra il massimo della tranquillità. Inoltre, è importante che il bracciale di gomma sia perfettamente aderente al braccio.

Il braccio va tenuto appoggiato e disteso, per esempio su un ripiano o su una scrivania, e il bracciale va collocato all’altezza del cuore. Non è vero che la pressione va misurata solo sul braccio destro, ma è bene sapere che ogni braccio fornirà un valore differente. Pertanto bisogna scoprire qual è l’arto che fa segnare la pressione più alta e poi basarsi su quello.

Nei 60 minuti che precedono la misurazione è vietato bere caffè o comunque altre bevande che contengono caffeina; inoltre, non bisogna fumare nei 15 minuti precedenti. Come detto, ci si deve trovare in una condizione di riposo, il che vuol dire che non si deve essere reduci da sforzi.

In conclusione, vale la pena di scegliere con attenzione il misuratore di pressione che si decide di tenere in casa, anche per tenersi controllati in modo efficace. I tempi in cui si era costretti ad andare in farmacia o a recarsi dal medico solo per misurare la pressione sono ormai un ricordo del passato, visto che ogni procedura al giorno d’oggi può essere eseguita direttamente in casa.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *