I bambini imparano a gestire le emozioni osservando gli adulti

I più piccoli possono imparare a regolare le proprie emozioni osservando gli estranei, non solo i genitori o altri membri della famiglia, secondo uno studio recente. Tendono anche ad aumentare il loro uso della “distrazione” come meccanismo per calmarsi in situazioni stressanti dopo aver visto gli altri usare lo stesso approccio, i dati hanno mostrato.

I bambini nello studio sono stati assegnati in modo casuale a due delle tre condizioni: due sperimentali e un controllo. Inizialmente, tutti i bambini dello studio hanno giocato liberamente con i loro genitori, poi sono stati messi in due “situazioni di attesa” in cui hanno aspettato qualcosa che volevano come un regalo incartato o uno spuntino. Le situazioni di attesa sono state progettate per suscitare emozioni negative, in particolare frustrazione, hanno detto i ricercatori. Tra le due situazioni di attesa, i bambini nelle condizioni sperimentali hanno visto una ricercatrice giocare con i giocattoli mentre apparentemente doveva aspettare qualcosa – ha modellato il modo in cui si è distratta quando ha a che fare con l’attesa – secondo i ricercatori.

Inizialmente, il ricercatore ha detto alla bambina che voleva giocare con un giocattolo sotto una coperta, ma ha spiegato che doveva aspettare che una lampada nella stanza diventasse verde. In una condizione sperimentale, 37 bambini piccoli hanno poi guardato il ricercatore giocare attivamente con un animale da spingere e hanno sentito il suo stato quanto si sentiva meglio mentre giocava. Nell’altra condizione sperimentale, 37 bambini piccoli hanno osservato un modello di comportamento calmo ricercatore mentre giocava e aspettava il giocattolo che voleva. Nella condizione di controllo, 22 bambini piccoli hanno partecipato a un gioco di imitazione non correlato alla regolazione delle emozioni tra le due situazioni di attesa e non hanno visto il ricercatore distrarsi.

I dati hanno mostrato che i bambini che hanno osservato come il ricercatore si è distratto successivamente hanno mostrato una maggiore distrazione. La ricerca futura dovrebbe esaminare la relazione tra le disposizioni temperamentali e le diverse strategie per far fronte alla rabbia e ad altre emozioni.